Pensioni, Boeri: "Bisognerebbe abolire l'espressione 'quota 100', alimenta illusioni"

"Dobbiamo abolire l'espressione 'quota 100', perché è fuorviante e alimenta false speranze: per andare in pensione bisogna soddisfare 38 anni di contributi e 62 anni di età. Altre combinazioni non sono consentite". Così il presidente Inps, Tito Boeri, commenta i possibili interventi del governo in campo pensionistico, in occasione di un incontro all'Università Bocconi di Milano. "Il divieto di cumulo tra pensioni e reddito da lavoro ci porterebbe a investire ingenti risorse per impedire alla gente di lavorare, in un Paese che ha tassi di occupazione bassi".

 

Video di Antonio Nasso

Gli altri video di Economia