Beat Generation, recital e letture per il finale della rassegna a Mantova

«Qualità degli eventi, intellettuali di alto livello, buona partecipazione del pubblico». Il direttore artistico Stefano Iori traccia un bilancio estremamente positivo del Mantova Poesia - Festival internazionale Virgilio, che ieri ha chiuso la sua quinta edizione con oltre sessanta ospiti italiani e stranieri. E già si proietta nel futuro.
 
L’ultima giornata della rassegna si è aperta ieri (domenica 12 maggio) con un viaggio “on the road” sulle tracce dei poeti della Beat Generation, a cura del critico Luigi Caracciolo. “La generazione battuta, sconfitta, ma anche beata” di Jack Kerouak, Allen Ginsberg, Lawrence Ferlinghetti, William Burroughs. La contestazione, le droghe, la ricerca di libertà e di spiritualità. Il rumore della Beat si è sentito davvero ieri alla Loggia del Grano, grazie all’indagine di Caracciolo e alle letture di Rachele Bertelli.

Gli altri video di Cronaca locale