Chef Rubio al Mantova FilmFest: entusiasta che le persone siano scese dalla Open Arms

Chef Rubio si presenta al Mantova Film Fest in una veste inedita, da produttore di corti e documentari: Tumaga, il nome della casa che ha fondato tre anni fa, è un acronimo della divinità Maori della guerra ma anche della cucina, a fondere due tra le passioni di Rubio. «Tumaga è nata per il gusto di dire quello che voglio senza che nessuno mi dica come dirlo e, soprattutto, di farlo a mie spese per essere indipendente». E a proposito dell’Open Arms, approdata finalmente a Lampedusa con il suo carico di migranti, attese, frustrazioni e paure, ecco cosa dice Rubio, salito a bordo nei giorni scorsi: «Sono entusiasta perché le persone sono scese, e già questo dovrebbe bastare. Sono stato felice di vedere come lavorano a bordo, per riparare ai danni fatti dagli stessi che poi demonizzano le Ong. Dovremmo invece preoccuparci dei motivi per i quali le persone si sono messe in viaggio, vittime di violenze atroci in dittature create da noi che ci mettiamo i nostri fantocci». (intervista di Igor Cipollina, video di Stefano Saccani)

Gli altri video di Cronaca locale