In 4.500 alla Fiaccolata della Croce rossa a Solferino, una marcia per la pace

Da Solferino a Castiglione, il fiume di torce portate da giovani volontari in arrivo da ogni angolo d’Italia e anche dall’estero. Piazza Castello, dopo due anni, torna ad animarsi e a riempirsi per la Fiaccolata della Croce Rossa. A Solferino e a Castiglione delle Stiviere sono oltre 3. 500 i volontari e le volontarie accreditati, ma se ne aggiungono almeno altri mille nel corso della giornata. E così il serpentone che parte dal parco della Rocca e ripercorre il tragitto dei feriti della Battaglia del 24 giugno 1859 è il simbolo della ripartenza e della rinascita ma anche, come viene ricordato dal minuto di silenzio chiesto dal presidente Francesco Rocca, del pensiero e della preghiera per chi, dedicandosi agli altri, non c’è più: «Basta guerra, ogni vita è importante».

Gli altri video di Cronaca locale