Mantova, al Festivaletteratura Carlo Lucarelli intervista la scrittrice Maaza Mengiste

La scrittrice etiope, cittadina newyorkese: «Vedo la storia con tanti angoli diversi in cui ciascuno ha la propria prospettiva. Tanti si soffermano sul proprio punto di vista, mentre invece servirebbe il coraggio di chiedersi se le cose sono davvero andate come si pensa». Inevitabile una domanda sulla cancel culture. Le statue? «Le butterei giù tutte. Se proprio dobbiamo erigere statue facciamole di partigiane, di nonne, di donne del posto che hanno tenuto in piedi le comunità mentre gli uomini andavano in giro a distruggerne altre».

Gli altri video di Cronaca locale