Mantova: un carro per la sfilata che non ci sarà, per non far morire il carnevale

Il Carnevale non si fa, ma in molti stanno cercando di festeggiarlo o, comunque, di viverne il clima in uno dei comuni dove esiste, dal 1872, un’antica tradizione e una maschera davvero speciale. Si tratta di Re Gnocco, il sovrano irriverente di Castel Goffredo, che la mattina di venerdì 12 febbraio si collegherà in streaming con le scuole. Tuttavia, la passione per il Carnevale è anche un modo per stare insieme e socializzare. In questo modo la vive l’associazione Rosa D’Inverno che, da alcune settimane, sta comunque costruendo un carro di Carnevale. «Il progetto è top secret perché non possiamo svelare la nostra opera prima delle sfilate – spiega Francesco Ghirardi –. Ci siamo messi al lavoro perché questo è un cantiere lungo, servono mesi e settimane per ultimarlo e prepararlo». Un carro che, data la situazione sanitaria che si sta vivendo e lo stop a tutte le sfilate di Carnevale, viene comunque ultimato perché «il vero scopo di questa festa è stare insieme, vivere insieme questo clima, trovarsi e passare del tempo fra di noi».

Gli altri video di Cronaca locale