Firenze, Tim Cook: "Credo nell'immigrazione: Paesi benestanti accettino chi fugge dalle difficoltà"

"Reputo, lo abbiamo imparato alla Apple, che i servizi ed i prodotti migliori provengono da team diversificati. Io sono un fautore dell'immigrazione, io ci credo. I Paesi benestanti devono accettare migranti che fuggono da situazioni difficoltose. Chiaramente è la cosa giusta da fare a fini umanitari. Non reputo che gli Stati Uniti vogliano fermare l'immigrazione. È un tema complesso. Si può non essere d'accordo su alcune politiche, ma dobbiamo lavorare su politiche comuni". Lo ha detto il Ceo di Apple, Tim Cook, nel corso di un incontro con gli studenti promosso a Firenze dall'Osservatorio Permanente Giovani Editori. "Vorrei - ha aggiunto Cook - che giovani e bambini, che sono sognatori, rimanessero negli Stati Uniti, e potessero andare a scuola. Io - ha concluso Cook - penso che questo possa succedere".

 

Video di Giulio Schoen


 

Gli altri video di Tecnologia